Ed eccoci alla terza ed ultima parte della guida all’autenticazione in Debian tramite LDAP: dopo aver installato la parte server e la parte client, vediamo un tool di gestione molto utile: PHPLDAPAdmin.

Si tratta di un tool web, concettualmente molto simile a PHPMyAdmin (usato spesso per i database MySql): permette la navigazione all’interno del database di LDAP, l’esecuzione di ricerche, la creazione e la gestione di utenti e gruppi. Non è assolutamente necessario, ma può dare una bella mano nell’amministrazione del server LDAP, operazione, ripeto, alle volte piuttosto macchinosa.

Per prima cosa installiamolo, come root diamo:

apt-get install phpldapadmin

Dopo l’installazione, sarà necessario configurare PHPLDAPAdmin, in primo luogo per indicare quel è il nostro server LDAP. Andiamo quindi ad editare il file /etc/phpldapadmin/config.php.

Per prima cosa possiamo sistemare il fuso orario, quindi cerchiamo la seguente riga e impostiamo “Europe/Rome”.

$config->custom->appearance['timezone'] = 'Europe/Rome';

Più in basso, troveremo la sezione più importante, ovvero quella relativa al server, e dovremo ovviamente indicare il nostro, se seguiamo l’esempio proposto nelle varie parti di questa guida avremo:

// Set your LDAP server name //
$servers->setValue('server','name','RedBlue LDAP Server');
// Set your LDAP server IP address //
$servers->setValue('server','host','192.168.10.100');
// Set Server domain name //
$servers->setValue('server','base',array('dc=red-blue,dc=local'));
// Set Server domain name again//
$servers->setValue('login','bind_id','cn=admin,dc=red-blue,dc=local');

Abbiamo praticamente già finito, basta solo riavviare Apache:

service apache2 restart

E a riavvio avvenuto, apriamo un browser e andiamo all’indirizzo:

http://192.168.10.100/phpldapadmin

Se tutto è andato a buon fine ci ritroveremo davanti alla home di PHPLDAPAdmin estremamente intuitiva attraverso la quale effettuare il login con l’utente amministratore creato in precedenza, e sempre tramite la quale sarà uno scherzo creare utenti e gruppi, in maniera del tutto identica a come abbiamo fatto nella prima parte sfruttando però la linea di comando.

Alla prossima..

Share
Molto scarsoScarsoSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto)
Loading...

Licenza

Creative Commons License
RedBlue's Blog di RedBlue è rilasciato sotto licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Badges

Cionfs'Forum CMS Check PageRank

Other

Se hai trovato utile questo blog, supportalo con una piccola donazione per l'hosting..


Locations of visitors to this page