Cambiare il look del proprio desktop, diciamolo, è un’attività piuttosto frivola, ma ragazzi, chi non vorrebbe un desktop veramente figo? Magari con tanto di effetti 3D?? Ecco come ha fatto il sottoscritto ad abbellire la propria schermata di Debian. Prima di tutto è necessario configurare la propria scheda video per il 3D, fino a qualche temp fa i possessori delle ATI (come il sottoscritto) dovevano passare attraverso un mezzo calvario, ma per fortuna oggi le cose sono un pò più semplici. Cominciamo.. ATTENZIONE: ho testato il tutto su una Mobility Radeon X1600!!

1) Installare e configurare i driver

I driver ufficiali ATI sono ormai presenti nei repository (non sono proprio gli ultimissimi, ma servono allo scopo), per prima cosa installiamo, se non ci sono già, i seguenti pacchetti (il comando va dato come root):

apt-get install module-assistant build-essential

Più ovviamente tutte le dipendenze che questi pacchetti possono portarsi appresso, poi installiamo i drivers:

apt-get install fglrx-driver fglrx-control fglrx-kernel-src

Questi sono i pacchetti "minimi", io personalmente ho preferito installare tutto ciò inerente a fglrx presente nei repository. Anche qui ovviamente vanno installate anche le eventuali dipendenze. A questo punto occorre compilare il modulo del kernel, diamo come root i seguenti comandi:

module-assistant prepare module-assistant update module-assistant build fglrx module-assistant -t -f a-i fglrx

Se non ci sono errori, i drivers sono installati, bisogna quindi configurare Xorg:

aticonfig --initial aticonfig --overlay-type=Xv

Infine, inseriamo il modulo fglrx nel file /etc/modules (può anche non essere necessario, ma non genera errori, quindi perchè no?) e le seguenti righe nel file /etc/X11/xorg.conf:

Section "Extensions" Option "Composite" "enable" EndSection

Riavviamo, e dopo il riavvio, il comando fgl_glxgears dovrebbe restituire il famoso cubo con all’interno gli ingranaggi che ruotano, se è così possiamo passare al prossimo passaggio.

2) Installare Compiz

Compiz è un window manager, ovvero un programma che gestisce la creazione, l’estetica e il piazzamento delle finestre, oltre a numerosi effetti che le riguardano. Per prima cosa aggiungiamo le seguenti linee al file /etc/apt/sources.list:

deb http://download.tuxfamily.org/osrdebian unstable compiz-fusion-git deb-src http://download.tuxfamily.org/osrdebian unstable compiz-fusion-git

E poi diamo un bel apt-get update. Ora possiamo installare Compiz:

apt-get install compiz compiz-core compiz-gnome compiz-plugins emerald fusion-icon compiz-fusion-plugins-main compiz-fusion-plugins-extra compiz-fusion-plugins-unsupported compizconfig-settings-manager compizconfig-backend-gconf

Ovviamente se usate KDE invece di Gnome installerete compiz-kde e compizconfig-backend-kconfig.  A questo punto lanciate Compiz Fusion Icon (presente nel menu Applicazioni -> Strumenti di sistema), e dal menu a tendina (click destro sull’icona apparsa in alto a destra) scegliete Compiz come Window Manager (se non si è già avviato) e Emerald come Window Decorator, poi per configurare tutti gli effetti speciali, basterà lanciare Gestore Configurazione CompizConfig presente in Sistema -> Preferenze. Ecco l’effetto più conosciuto, il cubo 3D, sul mio desktop:

Per far partire il tutto in automatico all’avvio del sistema aggiungiamo /usr/bin/fusion-icon ai Programmi d’avvio in Sistema -> Preferenze -> Sessioni.

3) Cambiare sfondo, splashscreen, login manager ecc.

Anche questa è un’attività che in passato portava via un pò di tempo, oggi invece, grazie a Lenny, è possibile installare semplicemente il pacchetto gnome-art, una pratica interfaccia grazie alla quale è semplicissimo scegliere il proprio sfondo, il proprio splashscreen, il tema del login manager, ma anche il set di icone del sistema e l’aspetto delle finestre.

apt-get install gnome-art

4) Screenlets

Ultima cosa, potete anche aggiungere degli screenlets, ovvero dei widget, al desktop.. Avete presente i Google Gadgets? Praticamente la stessa cosa, basta solo installare il pacchetto screenlets, avviare il manager che si trova nel menù Applicazioni -> Accessori e selezionare i proprio screenlets, ricordandosi di indicare di caricarli all’avvio.

apt-get install screenlets

A questo punto, non vi resta che dare spazio alla fantasia!

Share
Molto scarsoScarsoSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto)
Loading...

Licenza

Creative Commons License
RedBlue's Blog di RedBlue è rilasciato sotto licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Badges

Cionfs'Forum CMS Check PageRank

Other

Se hai trovato utile questo blog, supportalo con una piccola donazione per l'hosting..


Locations of visitors to this page