Dopo mesi di ricerche ed indecisione, la mia ragazza ha finalmente acquistato il suo nuovo pc.

Date le sue esigenze (produzione di qualche documento, navigazione web, contenuti multimediali, chat), la scelta fin dall’inizio era ristretta all’ambito netbook, e in questo campo, complice una buona offerta post-natalizia,  ha scelto il nuovo Aspire One Happy di Acer (qui il sito ufficiale).

Si tratta di un netbook con caratteristiche abbastanza standard:

  • Processore Intel Atom N450 da 1.66 GHz single core
  • RAM 1 GB
  • Schermo da 10.1″
  • Grafica Intel GMA
  • Hard disk da 250 GB
  • Bluetooth 3.0 e Wifi
  • Webcam e lettore di schede di memoria
  • Batteria a 6 celle

Il tutto abbinato ad una colorazione bianca e lilla/verde/celeste/rosa (la scelta della mia ragazza è caduta sul lilla). Insomma un netbook come se ne vendono parecchi, dalle buone dimensioni anche della tastiera, e dal design accattvante, in quanto davvero sottilissimo (per non essere un Apple), inoltre anche decisamente leggero.

Ma quello che mi ha colpito è quello che ho visto all’accensione: l’oggettino in questione monta di default un doppio sistema operativo, Windows 7 Starter Edition, e, udite udite, Google Android!! Ebbene si, è possibile avviare direttamente Android per sfruttare un bel po’ di app preinstallate (purtroppo non mi è sembrato possibile accedere al Market), con un notevole risparmio di tempo in quanto il boot in tal caso diventa davvero ultrarapido (non l’ho cronometrato, ma penso meno di un minuto)..

Chiaramente il sistema operativo di Google, essendo progettato soprattuto per schermi tattili, non da il meglio di sè nell’utilizzo normale, però lo considero già un grosso passo in avanti in questo campo, anche in previsione dell’invasione di tablet dotati di Android che molto probabilmente vedremo sugli scaffali nei prossimi mesi. Direi comunque che per un utilizzo normale va più che bene, si comporta egregiamente e non subisce il minimo rallentamento, inoltre la dotazione di app preinstallate è ricca e non ho notato particolari mancanze..

Poi, se proprio si deve avere accesso a funzioni più avanzate, c’è sempre Windows. A tal proposito, da segnalare che il cambio di OS è decisamente rapido: in Windows esiste un programmino col quale scegliere come avviare il netbook, mentre in Android addirittura basta semplicemente cliccare sull’angolo superiore sinistro dello schermo per passare a Windows..

Per quanto riguarda la dotazione software di Windows, devo dire che l’ho trovata forse un tantino esagerata, con qualche rallentamento di troppo in situazione di stress, ma basta semplicemente sostituire i software più corposi con altri equivalenti ma più leggeri per risolvere il problema. Da segnalare anche Office 2010 Starter preinstallato, più una gallery di giochi, molti in modalità demo..

Buona la durata della batteria, senza problemi la mia ragazza supera le 5 ore con Wifi ovviamente sempre acceso ed un utilizzo costante..

Per concludere, direi che mi sento di consigliare l’acquisto a chi stesse cercando un netbook “tradizionale” (se volete qualcosa di più avveneristico, conviene aspettare un po’ e prendere un tablet! 😉 ), soprattutto se lo trovate in offerta (tenete d’occhio i centri commerciali in tal senso), perchè in questo caso il rapporto qualità/prezzo diventa davvero interessantissimo..

Alla prossima..

Share
Molto scarsoScarsoSufficienteBuonoOttimo (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Licenza

Creative Commons License
RedBlue's Blog di RedBlue è rilasciato sotto licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Badges

Cionfs'Forum CMS Check PageRank

Other

Se hai trovato utile questo blog, supportalo con una piccola donazione per l'hosting..


Locations of visitors to this page