Articolo in evidenzaArticolo in evidenzaArticolo in evidenzaArticolo in evidenzaArticolo in evidenza

Nov

3

2008

In questi giorni, in mancanza di una connessione fissa, mi sto arrangiando connettendomi tramite il cellulare, sfruttando il modem interno attraverso il bluetooth. Devo dire che pensavo fosse più complicato, anche se onestamente un paio di giorni ce li ho persi sopra. Comunque, ecco come ho fatto a connettermi.. Premetto che utilizzo il mio glorioso Nokia N71 (cellulare da molti bistrattato, ma io mi ci sono sempre trovato benissimo), un’offerta flat di Wind (la Mega 1500 per la precisione), e la mia fedele Debian (ma immagino proprio che per Ubuntu sia la medesima cosa)! Ovviamente il primo passo è quello di configurare correttamente il punto di accesso sul cellulare (è una roba semplicissima, e sul sito del vostro gestore c’è sicuramente tutta la procedura passo per passo per ogni marca di cellulare); successivamente andiamo a configurare il nostro pc. Il punto è far apparire il modem interno del cellulare (che collegheremo tramite bluetooth) come un modem seriale collegato direttamente al pc, per fare questo occorrono pochi comandi da terminale:

hcitool scan

Con questo comando andremo ad individuare il nostro cellulare (ovviamente è scontato che prima va abilitato il bluetooth e il telefono va reso visibile!!). L’output sarà del tipo:

Scanning … 00:12:D2:8C:5E:B2    NOKIA N71

Segnate l’indirizzo che vi verrà restituito, servirà tra poco. A questo punto diamo il comando:

sdptool search –bdaddr "indirizzo trovato prima" DUN | grep Channel

Vi sarà restituito qualcosa tipo "Channel: 1", segnamo anche questo numero. Questo è il canale utilizzato per la connessione Dial-Up. Bene, non ci resta che creare un "ponte" tra il bluetooth e il pc, questo comando va dato come root:

rfcomm bind rfcomm0 "indirizzo" "canale"

Ecco fatto, digitiamo rfcomm e dovremmo avere un output come questo:

rfcomm0: 00:12:D2:8C:5E:B2 channel 1 clean

Questo vuol dire che tutto è andato bene. Se alla fine dovesse esserci scritto closed, allora come root date il comando rfcomm release all e poi di nuovo rfcomm bind rfcomm0 "indirizzo" "canale". Piccolo suggerimento, per evitare tutto questo ad ogni connessione, editate (con i privilegi di root) il file /etc/bluetooth/rfcomm.conf e fate in modo che diventi simile al seguente:

# # RFCOMM configuration file. # rfcomm0 { bind yes; device "indirizzo cellulare"; channel    "canale"; comment "Nome del vostro cellulare"; }

In modo da avere in automatico il "ponte" quando accendete il pc. A questo punto passiamo alla connessione vera e propria: io uso il programma Gnome PPP, estremamente semplice da configurare. Installatelo da synaptic e dopo l’avvio nella prima schermata inserire un nome utente e una password qualunque (non servono in effetti), come numero di telefono *99# oppure *99***1# e poi cliccate su Configura. Nella schermata successiva inserite alla voce Dispositivo quello creato in precedenza (se avete seguito le mie istruzioni scriverete /dev/rfcomm0), e come velocità il massimo possibile, poi andate su Stringhe di inizializzazione. Alla prima riga (Init 2) scrivete AT Q0 V1 E0 S0=0 &C1 &D2 +FCLASS=0, mentre alla seconda riga (Init 3) andrà una stringa dipendente dal vostro operatore (nel mio caso, Wind, la stringa è AT+CGDCONT=1,"IP","internet.wind"), dovete munirvi di questa informazione precedentemente (basta una chiamata al servizio assistenza). Non resta che chiudere queste finestre e cliccare su Connetti per navigare!! Un’ultima cosa, è possibile che il processo di connessione si blocchi dopo un pò, e guardando il log vi ritroviate questo errore: "Check permissions, or specify a PPPD Path option in wvdial.conf", niente paura, vuol dire che il vostro utente non fa parte del gruppo dip. Aprite il terminale, loggatevi come root e digitate:

groupadd -g 30 dip adduser "Vostro utente" dip

Al successivo login tutto funzionerà alla perfezione!!

Share

Ott

31

2008

Gente, vi annuncio che da stasera questo blog ha una versione mobile!! Si si, esatto, proprio una versione “alleggerita” per andare incontro a chi naviga dal cellulare o dal palmare. In realtà l’idea non è mia, semplicemente girovagando per la rete (mi potreste chiedere “Ma la sera di Halloween non hai niente di meglio da fare?”, e vi risponderei “Halloween è una roba americana, ergo, non me frega assolutamente nulla!”) ho trovato un plugin di WordPress estremamemente interessante, il WordPress Mobile Edition.

Cosa fa? Come funziona? Semplicissimo, quando arriva una connessione da dispositivo mobile, applica al blog un tema estremamente leggero, minimalista (per usare un eufemismo), in modo che la visualizzazione su dispositivi mobili sia chiara e il caricamento rapido ed economico (visto che spesso la connessione da cellulare si paga a KB).

Per chi fosse interessato, l’installazione è semplice:

  1. scaricate il plugin dal link che ho indicato sopra e scompattatelo in una cartella;
  2. copiate il file wp-mobile.php nella cartella wp-content/plugins (sul server ovviamente!);
  3. copiate la cartella wp-mobile nella cartella wp-content/themes (sempre sul server!!);
  4. attivate il plugin.

Provare per credere, basta digitare l’indirizzo di questo blog sul browser del cellulare e vedrete l’effetto di questo plugin..

Share

Ott

30

2008

ATTENZIONE!! Dalla versione 2.7 è stata implementata la procedura di aggiornamento automatico di WordPress!! Questa guida resta comunque valida, ma di fatto è molto più complessa..

La scorsa settimana ho aggiornato WordPress, la celeberrima piattaforma per la gestione del blog usata in tutto il mondo e giunta alla versione 2.6.3. Perchè allora non rendervi partecipi della procedura di aggiornamento con un bella guida sull’argomento??

In realtà è un’operazione semplice, anche se all’inizio può spaventare un pò, ma con qualche accorgimento si può stare relativamente sicuri di non perdere il proprio blog.. Cominciamo!!

1) BACKUP DEL DATABASE

Operazione assolutamente fondamentale per essere certi di non perdere i propri contenuti. Io uso un plugin apposito, che consente di effettuare automaticamente tale backup (il WordPress Database Backup).

2) DISATTIVARE I PLUGIN ED IMPOSTARE IL TEMA DI DEFAULT

Questo serve per evitare che i plugin attivi possano andare in conflitto con la nuova versione di WordPress che andrete ad installare. Quindi dal menu Plugins selezionate Disattiva per ogni plugin che utilizzate.

Poi dal menu Design selezionate il tema WordPress Default.

3) SCARICARE LA NUOVA VERSIONE DI WORDPRESS

Da dove? O dal sito ufficiale, oppure da qui la versione italiana (che cmq esce qualche giorno dopo quella inglese).

Dopodichè basta scompattare il file scaricato sul desktop..

4) CANCELLARE LA VECCHIA VERSIONE DI WORDPRESS

Ebbene si, avete capito bene.. Andiamo sul server dov’è installato WordPress con un client FTP (io uso Filezilla) e cancelliamo le directory wp-admin e wp-include, e solo quelle!! Tutto il resto va conservato!!

5) CARICARE LA NUOVA VERSIONE DI WORDPRESS

Attraverso il client FTP carichiamo sul server il contenuto della cartella che avete creato sul desktop al punto 3. Ovviamente accettate di sovrascrivere i files quando richiesto. Non preoccupatevi per la cartella wp-content (quella che contiene temi e plugin), l’aggiornamento non toccherà i vostri files.

6) INSTALLARE LA NUOVA VERSIONE DI WORDPRESS

E’ necessario richiamare il file: http://nome-blog/wp-admin/upgrade.php, dove ovviamente nome-blog sta per l’indirizzo del vostro blog.

A questo punto si avvierà una rapidissima procedura di installazione, basterà semplicemente cliccare su Continua quando richiesto.. Et voilà.. L’aggiornamento è completo!!

A questo punto potete riattivare i plugin e ripristinare il vostro solito tema.

Per dubbi e/o consigli contattatemi..

EDIT: con la nuova versione di WordPress, la 2.7, è stata introdotta la funzione di aggiornamento automatico, che di fatto rende inutile questa guida (cmq valida, la procedura di aggiornamento manuale è sempre la stessa).

Share

Ott

26

2008

Guardate qua!!

Ebbene si, dopo 15 anni da The Spaghetti Incident? (23 novembre 1993), dopo innumerevoli annunci e smentite, dopo svariati cambi in seno alla band, sembra proprio che stavolta ci siamo davvero.. Chinese Democracy, il nuovo disco dei Guns’N’Roses, è stato annunciato ufficialmente per il 23 novembre 2008!! Personalmente non ricordo un altro disco con una gestazione così lunga, e una storia così complicata..

E’ noto infatti che in tutti questi anni i Guns hanno eseguito molti inediti che andranno a far parte delle 14 tracce del nuovo album in varie occasioni (festival e apparizioni live in mezzo mondo), così come è noto che a più riprese i nuovi pezzi siano stati “trafugati” per finire dritti nei circuiti peer-to-peer (l’ultimo episodio in ordine di tempo poche settimane fa)..

Insomma, per il sottoscritto la curiosità è tanta, primo perchè penso si sia capito che i Guns sono tra i miei miti (non disdegno ancora oggi di fare un “giro” in Use Your Illusion II), poi perchè voglio vedere se Axl Rose riesce ancora a trasmettere la carica che aveva 15 anni fa, e poi non si può non essere curiosi di capire se i Guns’N’Roses possono esistere davvero senza la chitarra di Slash..

Appuntamento al 23 novembre prossimo.. Non vedo l’ora..

Share

Ott

26

2008

Ho aggiornato WordPress, la piattaforma del blog, alla versione 2.6.3.. E’ la prima volta che eseguo questa operazione da quanto ho aperto questo blog e mi sembra che funzioni tutto alla perfezione, ma se qualcuno riscontrasse qualsiasi tipo di problema non esiti a contattarmi!!

Share

Licenza

Creative Commons License
RedBlue's Blog di RedBlue è rilasciato sotto licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Badges

Cionfs'Forum CMS Check PageRank

Other

Se hai trovato utile questo blog, supportalo con una piccola donazione per l'hosting..


Locations of visitors to this page