Ed eccomi qui a riscrivere dei colori più belli del mondo.. Quel Rosso e Blu che caratterizza addirittura il mio nick.. Non mi ricordo nemmeno più quando è stata l’ultima volta che ho scritto del Taranto e delle sue vicende..

Allora vediamo di ricapitolare, i nostri eroi a fine maggio hanno sconfitto il Sorrento, conquistando l’unica vittoria in trasferta della gestione di Paolo Stringara e salvandosi direttamente, senza esser costretti a passare dalla lotteria dei playout.. Tutti felici, al punto che il presidente Luigi Blasi parlava di immediato rilancio nella prossima stagione per puntare in alto.. Salvo poi (4 giugno 2009) annunciare il proprio disimpegno immediato (dopo l’addio di Paolo Stringara, tenuto in stand-by per due settimane, il quale ha deciso di non aspettare le decisioni di un personaggio troppo ambiguo), con addirittura la volontà di mettere in liquidazione la società, non iscrivendola al prossimo campionato..

Da subito tutto questo è sembrato un bluff bello e buono ai tifosi più smaliziati (compreso il sottoscritto, concedetemi un attimo di presunzione), i quali non hanno potuto fare a meno di notare alcune incongruenze: primo, i due fidi dirigenti che Blasi si è scelto (il DS Pagni e il DG Iodice) hanno continuato a svolgere il proprio lavoro, seppur in maniera ufficiosa; secondo, il fatto di aver chiesto al Sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno, di trovare acquirenti, ma senza di fatto consegnargli il titolo sportivo (gesto che ci si aspetterebbe da una persona che si definisce stufa e scoraggiata, con l’unica volontà di mollare tutto); terzo, sono cominciate immediatamente a girare notizie su fantomatiche cordate pronte a rilevare la società, salvo poi sparire puntualmente alla richiesta economica (3 milioni di euro tra titolo sportivo e debiti da saldare)..

E così si è addirittura arrivati a fissare il giorno della messa in liquidazione della società, il prossimo 29 giugno.. In realtà un acquirente serio c’era davvero: una misteriosa cordata di imprenditori rappresentata da un avvocato milanese, che avevano accettato di versare i 3 milioni richiesti, e con i quali sembrava fatta per il passaggio di proprietà.. Ma ecco che alla fine della scorsa settimana è comparso sulla scena Enzo D’Addario, notissimo imprenditore tarantino indicato come possibile sponsor inizialmente, ma poi (per sua stessa volontà) entrato direttamente in società. E così ci siamo, da oggi il Taranto ha ufficialmente due presidenti, Vito Luigi Blasi ed Enzo D’Addario, proprietari del Taranto al 50% (a testa)..

Ma come?? Una persona stufa e scoraggiata, che non aveva esitato ad insultare i tifosi tarantini (“meritano un presidente che li prende in giro e poi scappa col malloppo” sono state le sue parole), che non solo accetta di restare, ma mantiene la carica di presidente e si carica la grandissima responsabilità di formare la squadra?? Se questo non è un bluff..

Questa è dunque la nuova situazione, che ha fatto storcere il naso a molti, me compreso.. Ma non posso negare che in società c’è aria nuova: a parte la persona D’Addario, imprenditore noto in tutta Italia, non si può non notare che per la prima volta in 5 anni Blasi non avrà a che fare con un suo dipendente, ma con un socio alla pari, una persona cioè con pieno potere decisionale e che conta esattamente quanto lui. Una persona che inoltre ha un prestigio e una reputazione notevole in città, e immagino che difficilmente accetterà che possano venire intaccate da comportamenti scellerati come quelli a cui siamo abituati, e che ha il preciso compito di curare i rapporti con stampa/autorità/tifosi, rapporti irrimediabilmente incrinati dai comportamenti di cui parlavo poco fa..

Di contorno a tutto questo sembra esserci un accordo imminente con l’amministrazione comunale per l’utilizzo dello stadio Iacovone e una sponsorizzazione dalla Provincia di Taranto (la scritta “Terra Ionica” dovrebbe essere l’anno prossimo sulle maglie di Taranto Sport, Cras Basket e Prisma Volley).. Manca giusto il mercato, si attende il nome del nuovo allenatore nei prossimi giorni, e poi sarà il momento di capire che squadra si vuole formare, visto che come al solito siamo già in ritardo rispetto alle altre squadre..

Già in passato c’erano stati momenti in cui sembrava essere cambiato il vento, ma poi si era sempre puntualmente concluso tutto in una bolla di sapone..

Staremo a vedere..

Share
Molto scarsoScarsoSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto)
Loading...

Licenza

Creative Commons License
RedBlue's Blog di RedBlue è rilasciato sotto licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Badges

Cionfs'Forum CMS Check PageRank

Other

Se hai trovato utile questo blog, supportalo con una piccola donazione per l'hosting..


Locations of visitors to this page